Crea sito

La Luna in questo istante

 ESCAPE='HTML'

La presenza lunare determina il verificarsi del fenomeno delle maree. La Terra, sottoposta all'attrazione lunare, tende a deformarsi in un'ellisse in direzione della Luna e in quella ad essa opposta.
Risentono di questo effetto soprattutto i mari, che tendono così ad alzarsi. La Terra, con la sua rotazione attorno al suo asse, fa in modo che ciò interessi tutte le coste.

Il fenomeno più appariscente della Luna è certamente quello delle fasi. Queste si spiegano con il fatto che la Luna non brilla di luce propria, ma riflette quella del Sole; le fasi stesse evolvono a seconda del posto che il satellite occupa nelle sue diverse posizioni lungo l' orbita descritta intorno alla Terra.
Quando si verifica la "Luna Nuova", ed essa si trova in congiunzione fra noi e il Sole, ci mostra la sua faccia scura ed è invisibile.

Man mano che i giorni passano il satellite si allontana sempre di più dal Sole e diventa una falce crescente.
A 7,4 giorni si osserva il "Primo Quarto": è illuminata a metà, e si trova in Quadratura Orientale, dista 90° dal Sole verso est e passa in meridiano circa 6 ore dopo di esso.
L'illuminazione del disco aumenta, via via fino a che, dopo 14,8 giorni, si verifica la "Luna Piena"; si presenta con tutto il disco illuminato ed è in opposizione.
Si può dire che sorge quando tramonta il Sole e tramonta quando esso sorge.

Successivamente la frazione illuminata va gradualmente diminuendo.
A 22,1 giorni notiamo ancora metà Luna illuminata: è l' "Ultimo Quarto" e dista 90° gradi dal Sole verso ovest; si dice che è in Quadratura Occidentale e passa in meridiano circa 6 ore prima di esso.
Continuando il percorso dell'orbita la Luna mostra una falce che decresce sempre più man mano che si riavvicina al sole fino a che, a 29,5 giorni, si presenta un'altra Luna Nuova: il ciclo ricomincia.

Il tempo impiegato per un ciclo di fasi completo è di 29,5 giorni, mentre bastano 27,3 giorni per una rivoluzione completa attorno alla Terra.
La differenza si giustifica col fatto che la Luna orbira intorno alla Terra e contemporaneamente la Terra intorno al Sole, pertanto aumenta il suo percorso orbitale e ne consegue un ritardo di 2,2 giorni per trovarsi nella posizione iniziale e riprendere un nuovo ciclo di fasi.

 ESCAPE='HTML'
CURRENT MOON

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Con questo strumento è possibile simulare sia la data che la posizione dell’osservatore sulla Terra. In tal modo si capirà perché il sole sorge più tardi d’inverno o perché salga rapidamente allo zenit se ci troviamo vicini all’equatore. Scoprite voi stessi, spostandovi con il mouse, tutte le molte informazioni nascoste.

Clicca qui per utilizzare SunMoonScope